Iscriviti all'associazione

 
C.F. 97517360158

costo tessera:
25€ socio ordinario (con rivista BC)
COPPIA SOCI 37€
(stessa residenza)
6€ socio junior (fino 14 anni)
 20€ socio under 26 
20€ socio over 75 
CONVENZIONI E SCONTI

PER INFORMAZIONI:
Cell: 348 9752878
info@labicimelegnano.it

PER PAGAMENTI


c/c
 UNICREDIT IBAN
IT 37 G 02008 33380 000101736817

Sede:
Melegnano
Piazzale delle Associazioni
(a fianco biblioteca comunale)

SIAMO CHIUSI DAL 24 LUGLIO
RIAPRIAMO IL 4 SETTEMBRE

Il tuo 5 x 1000

Un aiuto per città più vivibili.
clicca sull'immagine
e scopri cosa abbiamo fatto
grazie a te

C.F. 11543050154

albergabici

Albergabici

BICITALIA

 
 

Facebook e Twitter

   
Like

Da diverse settimane tiene banco su media e social networks la campagna per la sicurezza dei ciclisti lanciata dal quotidiano inglese TIMES. Questa iniziativa ha avuto il grande merito di accendere un riflettore sui temi della mobilità ciclistica in Italia.

Di seguito una lettera aperta del presidente nazionale FIAB Antonio Dalla Venezia.

CAMPAGNA SALVACICLISTI: FIAB E FCI SU PIANI DIFFERENTI
BASTA CONFONDERE I CICLISTI AGONISTI CON QUELLI DI TUTTI I GIORNI:
LE ESIGENZE SONO DIVERSE

BASTA CON LA STORIA DELL'OBBLIGO DEL CASCO
NON VOGLIAMO SPAZI RECINTATI MA STRADE SICURE PER MUOVERCI IN BICI TUTTI I GIORNI

Lettera aperta del Presidente FIAB Antonio Dalla Venezia
 
La campagna sulla sicurezza stradale dei ciclisti lanciata dal quotidiano inglese Times, con un manifesto in otto punti, ripreso pure in Italia dai social network, con l’iniziativa #salvaiciclisti, cui anche FIAB ha aderito, sta suscitando molto interesse anche da parte dei media. Speriamo sia un punto di svolta senza ritorno per un rilancio non più rinviabile dell’attenzione della politica che, su questi temi, dimostra da decenni una totale inconsistenza, inerzia e mancanza di visione, salvo rare eccezioni.
 
Non contribuisce però a trovare il bandolo della matassa la Federazione Ciclistica Italiana. In un  recente articolo del Corriere della Sera sulla iniziativa dei blogger italiani, stride una dichiarazione del presidente di FCI, Renato Di Rocco, secondo cui per favorire la sicurezza dei ciclisti l’educazione stradale è la migliore strategia «insieme a soluzioni di buon senso, come indossare il casco» e che sono stati ideati «76 percorsi in spazi chiusi dove i ragazzi possono pedalare in sicurezza».
 
Al riguardo FIAB ribadisce la propria posizione sul tema dell’uso del casco: sempre consigliato ma mai  obbligatorio. Non giova a nessuno continuare a confondere le gare di ciclismo agonistico con l'uso  quotidiano della bici per raggiungere i luoghi di studio, di lavoro, dello shopping o del tempo libero.
 
Occorre evitare di spostare sull’anello debole della catena, il ciclista in questo caso, i deficit di sicurezza che caratterizzano la circolazione sulle strade delle nostre città.
 
Qualcuno probabilmente desidera, rendendo il casco obbligatorio ai ciclisti, mettersi in pace con la propria coscienza. E così ancora una volta si cerca un alibi per rinviare la soluzione del problema, che dovrebbe essere quella di mettere al sicuro la mobilità limitando fortemente l’uso delle auto e lo spazio ad esse dedicato, dedicando una specifica attenzione alla manutenzione delle strade e alla qualità degli interventi, e controllando la velocità e la sosta dei veicoli, secondo il principio per cui “è il mezzo più grande che deve aver cura del più piccolo”, e non viceversa.
 
Lo spazio nelle città è la risorsa più preziosa: la sua distribuzione è il vero nodo che la politica è chiamata ad affrontare, oggi e in futuro, non avendolo sinora mai fatto, a differenza di quanto avvenuto nei Paesi virtuosi del nord Europa.
 
Non ci sono folle desiderose di spazi chiusi e recinti per pedalare in sicurezza. Ci sono invece migliaia e milioni di cittadini che vorrebbero poter circolare serenamente in bici, lungo le strade della città, come gesto sano, semplice e quotidiano, e non come atto eroico o meramente sportivo, senza sentire quotidianamente messa in pericolo la propria incolumità.
 
Sono questi i cittadini che ancora attendono una risposta concreta dalle istituzioni e dalla politica italiane, ai vari livelli di responsabilità: nazionale, regionale e locale. E’ di questi cittadini che parla l’iniziativa #salvaiciclisti, così come è ad essi che da sempre si rivolge l’azione della FIAB.
 
 
Antonio Dalla Venezia
Presidente FIAB
Federazione Italiana Amici della Bicicletta onlus

Programma 2019

clicca sull'immagine

Il programma di
FIAB MELEGNANO 2G

 

BICIVIAGGI FIAB 2019

clicca sull'immagine

andiamoinbici

Grazie a chi ci sostiene!

Cicli Scotti Melegnano
Gioielleria Ottolini Rusca Melegnano
Osteria Beccalzù Casaletto L.no
Parrucchiere Studio Lei Melegnano
Poggi Bike Vizzolo Predabissi
Bar Barbarossa Melegnano 
Osteria Cologno - Fr. Cologno
Perlage - Melegnano

Rilevamento Ciclisti

RELAZIONE
1° RILEVAMENTO CICLISTI
MELEGNANO
SETTEMBRE 2013

RELAZIONE
2° RIVELAMENTO CICLISTI
MELEGNANO
SETTEMBRE 2014

RELAZIONE
3° RILEVAMENTO CICLISTI
MELEGNANO
SETTEMBRE 2015

RELAZIONE
4° RILEVAMENTO CICLISTI
MELEGNANO
SETTEMBRE 2016

RELAZIONE
5° RILEVAMENTO CICLISTI 
MELEGNANO
SETTEMBRE 2017

RELAZIONE
SETTEMBRE 2018

6° RILEVAMENTO CICLISTI
VIA DEZZA 
VIA MARCONI
VIALE PREDABISSI
VIA ZUAVI

 

 

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.