Iscriviti all'associazione

 
C.F. 97517360158

costo tessera:
25€ socio ordinario (con rivista BC)
COPPIA SOCI 37€
(stessa residenza)
6€ socio junior (fino 14 anni)
 20€ socio under 26 
20€ socio over 75 
CONVENZIONI E SCONTI

PER INFORMAZIONI:
Cell: 348 9752878
info@labicimelegnano.it

PER PAGAMENTI


c/c
 UNICREDIT IBAN
IT 37 G 02008 33380 000101736817

Sede:
Melegnano
Piazzale delle Associazioni
(a fianco biblioteca comunale)

Il tuo 5 x 1000

Un aiuto per città più vivibili
C.F. 11543050154

albergabici

Albergabici

BICITALIA

 
 

Facebook e Twitter

   
Like

Vi avevamo promesso qualche dettaglio in più della nostra ciclo vacanza ma, ripensadoci bene, raccontarvi dei luoghi meravigliosi visitati nella Foresta nera ci sembra quasi superfluo: le immagini dicono già molto di questi luoghi. Quello che le immagini non raccontano, invece, sono situazioni particolari di vita vissuta durante un viaggio in bicicletta.
 
Innanzi tutto, se partite con l’idea che una vacanza in bicicletta vi farà dimagrire dimenticatelo, a meno che non abbiate una volontà granitica a prova di colazione tedesca. Sì, perché la prima colazione è il momento più pericoloso: tavole imbandite con generi alimentari più vari da sfamare un esercito e tu che ti avvicini con l’idea che “la prima colazione deve essere sostanziosa” – lo dicono anche i medici –  e cominci a preparati il piatto con quantità di cibo per un fabbisogno calorico di una decina di camalli che devono scaricare almeno un paio di navi merci.
Sul pranzo la temperatura africana quest’anno ci ha fatto scegliere alimenti più freschi e leggeri, con qualche digressione verso i gelati… “ma tanto abbiamo ancora molti chilometri in bicicletta”.
La cena, infine, è il momento in cui si entra nella cultura del paese che ti ospita e quindi vai di stinco di maiale, wurstel e crauti, schnitzel, salsicce al metro alla faccia del colesterolo e dei vegetariani ma, soprattutto, birra dai nomi impronunciabili che costa molto meno dell’acqua e dunque diventa anche una questione economica.
Bilancio della settimana: a chi è andata bene qualche etto è andato perso, tutti gli altri negano anche sotto tortura di aver preso un paio di chili e sono ancora convinti che la loro bilancia non funzioni troppo bene.
 
In Germania è impossibile perdersi: la segnaletica dei percorsi ciclabili è a prova di stupido.
Lì ti segnalano la direzione, il nome della località, i chilometri che devi ancora percorrere e, in alcuni casi, la percentuale di pendenza della salita: alcuni di noi sono rimasti in adorazione dei pali della segnaletica con le lacrime agli occhi, pensando ai pali italiani che, quando ci sono, ti danno sì e no il nome della località da raggiungere. Comunque, anche la segnaletica tedesca non è perfetta e anche noi ci siamo persi, ma non in un posto qualsiasi: nella zona industriale tra la Svizzera, la Francia e la Germania. Abbiamo fatto il tour delle fabbriche del maggiore polo chimico-farmaceutico europeo. E quale luogo più evocativo per farsi cogliere da un malore, la classica botta di caldo che ti fa sentire come una pelle di stracchino? Per fortuna niente di grave e per fortuna, come nelle migliori barzellette, eravamo a pochi metri dalla strada maestra alla volta del nostro albergo.

Per chiudere due parole su Freiburg (Friburgo per noi italiani). Dopo giorni e giorni passati tra paesaggi bucolici, paesi da cartolina con Heidi e capretta inclusi e cittadine dove ti domandi se le persone che hai visto fino alle 21 erano comparse di un film che, finito il proprio ruolo, sono scomparse non si sa dove, arrivare in una grande città ci ha un po’ stordito. Ma lo stordimento era dato da un intreccio di lunghi tram che passavano senza soluzione di continuità, gente per strada ovunque – a piedi, in bicicletta, in carrozzella, col monopattino - e 4 automobili o poco più. Una sana confusione senza alcun sottofondo di motori, strombazzi di clacson e aria irrespirabile: fantastico!
Freiburg è una bella città giovane, vivace e molto informale.
La città, come altre in quei luoghi, è attraversata da lunghi canali di acqua corrente a cielo aperto ed è assolutamente normale vedere gente che, in modo molto disinvolto, si rinfresca i piedi mentre cammina o lascia giocare i bambini con l’acqua (vendono anche delle barchette proprio per il gioco dei bimbi) o improvvisa un birra-party con birra al fresco nei canali.
Certo, tutti questi canali insieme alle rotaie dei tram sono un vero attentato all’incolumità delle persone, se non si presta la dovuta attenzione (in Italia farebbero la fortuna di schiere di avvocati). Ma anche in questo caso la cultura popolare viene in aiuto e si dice che chi cade in questi canali deve sposare una persona del posto per evitare colpi di “iella perniciosa” (giusto per usare un eufemismo).
Naturalmente uno dei nostri sta disperatamente cercando l’anima gemella friburghese.  

Commenti

Giulietta sei bravissima, in

No Avatar
Inserito da Daniela (non verificato) il Sab, 31/07/2010 - 21:58.

Giulietta sei bravissima, in poche pennellate sei riuscita a fare un dipinto della nostra ciclovacanza. E come succede con certi dipinti dei grandi maestri dell'impressionismo, queste vacanze diventano più belle man mano che ti allontani, ....si può dire che la narrativa del ricordo le consegni definitivamente ad una dimensione epica. Che poi forse è la loro dimensione più autentica. Brava! Un abbraccio Daniela

mi imbarazzi!  

No Avatar
Inserito da Giulietta il Lun, 02/08/2010 - 08:31.

mi imbarazzi!

 

 Oltre alle immagini

No Avatar
Inserito da kriz (non verificato) il Mer, 28/07/2010 - 10:55.

 Oltre alle immagini meravigliose questo racconto fa davvero venire voglia di fare una ciclovacanza! Quando i bambini saranno un pelo più grandi ci saremo anche noi!

mai pensato alla bici con

No Avatar
Inserito da Giulietta il Mer, 28/07/2010 - 17:18.

mai pensato alla bici con carrelino per il più piccolo e al cammellino (la bici che si attacca alla tua bici) per il più grande? In giro in vacanza si vede di tutto e di tutte le età. Nel caso abbiamo anche qualcuno a cui chiedere in prestito quello che può fare per voi.

Vi aspettiamo!

 

 

 

MOSTRA FOTOGRAFICA

"LA BICICLETTA
IN CITTÀ"


Il regolamento

Pagina facebook
LE FOTO

 

Programma 2018

CLICCA SULL'IMMAGINE
Realizzazione grafica di
Giulia Colombo
graficulia@gmail.com

 

 

andiamoinbici

Grazie a chi ci sostiene!

Cicli Scotti Melegnano
Gioielleria Ottolini Rusca Melegnano
Osteria Beccalzù Casaletto L.no
Parrucchiere Studio Lei Melegnano
Poggi Bike Vizzolo Predabissi
ConfCommercio Melegnano
Bar Barbarossa Melegnano 
Osteria Cologno - Fr. Cologno
H.P.C.Compressori - Casalmaiocco

 

Rilevamento Ciclisti

RELAZIONE
1° RILEVAMENTO CICLISTI
MELEGNANO
SETTEMBRE 2013

RELAZIONE
2° RIVELAMENTO CICLISTI
MELEGNANO
SETTEMBRE 2014

RELAZIONE
3° RILEVAMENTO CICLISTI
MELEGNANO
SETTEMBRE 2015

RELAZIONE
4° RILEVAMENTO CICLISTI
MELEGNANO
SETTEMBRE 2016

RELAZIONE
5° RILEVAMENTO CICLISTI 
MELEGNANO
SETTEMBRE 2017

 

Accesso utente

Chi è on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 0 visitatori collegati.